G.2 PARTE SPECIALE

G162 G.2 PARTE SPECIALE

G163

G164

G165

G166

G167

G168

G169

G170

G171

G172

G173

G174

G175

G176 Acacia di Costantinopoli o Mimosa rosa

G177

G178 Acero

G179

G180

G181

G182

G183

G184 Achillea

G185

G186

G187

G188

G189 Agrifoglio

G190

G191 Ailanto

G192

G193

G194

G195

G196

G197

G198

G199

G200

G201 Alloro

G202

G203 Amarillide

G204 Anemone

G205 Anice

G206 Anturio

G207 Arabis

G208 Aralia

G209 Arancio e Arancio amaro

G210

G211

G212

G213

G214

G215

G216

G217

G218

G219

G220

G221 Araucaria

G222 Asparago

G223

G224

G225

G226 Aspidistra

G227

G228 Aucuba

G229

G230

G231 Azalea

G232

G233

G234

G235 Azzeruolo

G236

G237

G238

G239

G240

G241

G242

G243 Basilico

G244

G245 Begonia

G246

G247 Bergamotto

G248

G249

G250 Biancospino

G251 Bignonia

G252 Buddleia

G253

G254 Campanule

G255

G256 Cappero

G257

G258

G259

G260

G261 Carota

G262

G263

G264

G265 Carpino

G266 Carrubo

G267 Castagno

G268

G269

G270

G271 Cavoli

G272

G273

G274

G275

G276

G277

G278 Cece

G279 Cedri

G280 Cedro

G281

G282

G283

G284

G285 Ciavardello

G286 Ciclamino

G287

G288 Cicoria o Radicchio

G289

G290

G291

G292 Ciliegio

G293

G294

G295

G296

G297

G298

G299 Cima di rapa

G300 Cipolla

G301

G302

G303

G304 Cipressi

G305

G306 Clematide

G307 Cocomero

G308

G309 Cocos

G310 Colza

G311 Corbezzolo

G312 Cotogno

G313 Cotogno del Giappone

G314

G315 Cotonastro

G316 Crespino

G317 Crisantemo

G318

G319

G320 Croton

G321 Cupressociparo

G322

G323 Dieffenbachia

G324 Dracena

G325 Edera

G326 Eleagno

G327 Erica

G328

G329

G330 Eucalipto

G331 Evonimo

G332 Faggio

G333

G334 Fagiolino

G335

G336

G337

G338 Fava

G339

G340

G341 Felce

G342

G343

G344 Ficus

G345

G346 Filodendro

G347

G348

G349 Fotinia

G350

G351

G352

G353

G354

G355

G356

G357 Frassino

G358

G359 Fresia

G360 Frumento

G361

G362

G363

G364

G365

G366

G367

G368

G369

G370

G371

G372

G373 Fucsia

G374

G375 Gardenia

G376 Garofano

G377

G378

G379

G380 poeti

G381 Gelso

G382 Gelsomino di Spagna

G383

G384 Gerbera

G385 Giacinto

G386

G387 Giglio

G388 Ginepro

G389 Girasole

G390 Giuggiolo

G391 Gladiolo

G392

G393 Gleditsia

G394 Impatiens

G395 Indivia

G396 Ippocastano

G397 Iris

G398

G399 Kalanchoe

G400 Kaki

G401

G402 Kentia

G403

G404

G405

G406

G407 Lagerstroemia

G408

G409

G410 Larice

G411

G412 Lattuga

G413

G414

G415

G416

G417

G418

G419

G420

G421 Lauroceraso

G422 Leccio

G423 Lenticchia

G424 Ligustro

G425 Lilium

G426 Limone

G427

G428

G429

G430

G431

G432 Lino

G433 Liquidambar

G434 Loglio

G435 Luppolo

G436 Maggiociondolo

G437 Mais

G438

G439

G440

G441

G442

G443

G444 Mandarino

G445

G446 Mandorlo

G447

G448

G449 Maonia

G450

G451

G452

G453

G454 Melo

G455

G456

G457

G458

G459

G460

G461

G462

G463

G464

G465

G466

G467

G468

G469

G470

G471

G472

G473

G474

G475

G476 Melograno

G477 Melone

G478

G479

G480

G481

G482 Menta

G483 Mimose

G484 Mirtillo

G485 Nandina

G486 Nespolo e Nespolo del Giappone

G487

G488 Nocciolo

G489

G490

G491

G492

G493 Noce comune e Noce nero

G494

G495

G496 Oleandro

G497 Olivo

G498

G499

G500

G501

G502

G503

G504

G505 Olmo

G506

G507

G508 Ontano

G509 Orchidee

G510

G511

G512 Ortensia

G513 Orzo

G514

G515

G516

G517

G518 Pachisandra

G519 Patata

G520

G521

G522

G523

G524

G525

G526

G527 Peonia

G528

G529

G530

G531

G532 Pero

G533

G534

G535

G536

G537

G538

G539

G540

G541

G542

G543

G544

G545

G546 Pesco

G547

G548

G549

G550

G551

G552

G553

G554

G555

G556

G557

G558

G559 Petunia

G560 Pini

G561

G562

G563

G564

G565

G566

G567 Pioppi

G568

G569

G570

G571

G572

G573

G574

G575 Piracanta

G576

G577

G578

G579 Pistacchio

G580

G581 Pittosporo

G582 Platano

G583

G584 Poinsettia o Stella di Natale

G585 Pomodoro

G586

G587

G588

G589

G590

G591

G592

G593

G594

G595

G596

G597

G598

G599

G600 Pompelmo

G601

G602 Prezzemolo

G603 Querce

G604

G605

G606

G607 Radicchio

G608

G609

G610 Ravanello

G611

G612 Ravizzone

G613

G614

G615 Riso

G616

G617

G618

G619

G620 Robinia

G621

G622 Rododendro

G623

G624

G625 Rosa

G626

G627

G628

G629 Rosmarino

G630

G631 Rovo

G632

G633 Rucola perenne Rucola annuale

G634

G635 Ruscus

G636 Salvia

G637 Sambuco

G638 Sansevieria

G639

G640

G641 Segale

G642 Senape

G643 Sequoia

G644

G645

G646

G647 Sorbo comune e Sorbo degli uccellatori

G648 Spinacio

G649

G650 Spincervino

G651 Susino

G652

G653

G654

G655

G656

G657

G658

G659

G660 Tabacco

G661

G662

G663 Tamerici

G664 Tasso

G665 Tiglio

G666 Trifoglio

G667

G668 Tuia

G669 Uva spina

G670 Veccia

G671 Vigna

G672 Vite

G673

G674

G675

G676

G677

G678

G679

G680

G681

G682

G683

G684

G685

G686

G687

G688

G689

G690

G691

G692

G693 Vite del Canada

G694 Zucchino

G695

G696

G697

G698

GT9 Tav. G4 - AFIDI

GT10

GT11

GT12 Tav. G4 - COCCINIGLIE

GT13

GT14 Tav. G4 - CIMICI

GT15 Tav. G4 - DITTERI

GT16 Tav. G4 - LEPIDOTTERI

GT17

GT18 Tav. G4 - LEPIDOTTERI - ERIOFIDI

GT19 Tav. G4 - BATTERIOSI

GT20

GT21 Tav. G4 - PATOLOGIE

GT22

GT23

GT24

SEZIONE G
SEZIONE G
AVVERSITÀ E DIFESA DELLE COLTURE
Le piante coltivate sono soggette a molteplici fattori che interferiscono con il loro sviluppo vegetativo e produttivo e quindi necessitano di opportune strategie di difesa.Nella maggior parte dei casi ciò è dovuto a fenomeni di competizione da parte di altre entità viventi che si sono evolute insieme alle piante e con esse instaurano uno stretto rapporto di convivenza di tipo trofico-parassitario. In pratica, pur non potendo trascurare altri tipi di alterazioni, come quelle causate da fattori ambientali o da squilibri fisiologici, l’uomo agricoltore ha sempre dovuto fare i conti con molteplici avversità biotiche di varia natura e il problema si è progressivamente acuito con l’intensificazione delle tecniche agronomiche (monocoltura, fertilizzazione, irrigazione, ecc.) che hanno reso l’equilibrio degli agroecosistemi sempre più sbilanciato a favore delle specie competitrici, grazie anche all’abbondanza di substrati nutritivi. La notevole disponibilità di mezzi di lotta chimica (nell’era moderna), ha fornito un contributo fondamentale per la difesa dai parassiti, ma non ha del tutto risolto il problema, sia per la crescente aggressività e adattabilità delle specie dannose, sia per gli effetti secondari negativi della difesa chimica su uomo, piante e ambiente. Pertanto, la gestione delle avversità biotiche delle colture è diventata sempre più impegnativa e le difficoltà si sono ulteriormente accentuate negli ultimi decenni, con l’aumentata sensibilità ecologica della società, che ha anche portato all’emanazione di stringenti normative sull’uso dei prodotti agrofarmaceutici di natura chimica.Oggi si può osservare che la difesa fitosanitaria ha perso il carattere di pratica accessoria e ripetitiva e ha assunto un ruolo centrale nell’ambito delle scelte agrotecniche, richiedendo crescenti competenze da parte degli operatori, allo scopo di razionalizzare l’impiego dei mezzi tecnici, anche nell’ottica della sostenibilità ambientale. Tale evoluzione ha condizionato anche l’impostazione della presente Sezione G del Manuale, in cui si è cercato di fornire un quadro quanto più possibile aggiornato del settore fitoiatrico in relazione sia agli aspetti introduttivi della difesa (Parte generale), sia alla gestione specifica delle singole avversità per ogni coltura trattata (Parte speciale); qui, lo sviluppo dei contenuti procede in ordine alfabetico di coltura e, per ogni coltura, le avversità sono organizzate per tipologia (identificata da apposita simbologia come di seguito specificato: es. i – insetti;… v – virus; ecc.) e contrassegnate con zero, uno, due, o tre asterischi (*) a seconda del loro crescente grado di pericolosità e diffusione. Per ciascuna avversità è proposta una dettagliata sintesi delle attuali conoscenze bio-epidemiologiche con lo sviluppo degli indirizzi di lotta, compresa l’indicazione degli agrofarmaci utilizzabili.A questo riguardo, è sempre opportuno raccomandare che per la scelta di sostanze attive o formulati, data la continua evoluzione normativa di settore, è necessario fare riferimento all’effettiva disponibilità legale al momento del loro utilizzo.Coordinamento di Sezione e realizzazioneAgostino Brunelli, Marina Collina, Luciano Giunchedi, Aldo Pollini