1.6.1 Sistema nervoso centrale

na o: a oe eel e o o a, hi aa; ia o, i, a, e li co al va ). à uo e ao isil o. ri ei APPARATI E FUNZIONALIT H 17 centri dell asse cerebrospinale. Qui si generano impulsi nervosi, detti efferenti, che provocano delle risposte motorie a livello periferico, ovvero quelle che modulano il comportamento di reazione dell animale. La risposta motoria può essere di due tipi: cosciente o volontaria, quando lo stimolo raggiunge i centri superiori dell encefalo e viene quindi coinvolta la volontà; incosciente o involontaria, se gli impulsi seguono la via dell arco riflesso producendo una risposta pressoché istantanea allo stimolo, detta riflesso, e coinvolge due neuroni, uno afferente e uno efferente dal midollo spinale. L apparato nervoso della vita vegetativa regola e coordina le funzioni organiche non controllate dalla volontà. Svolge le sue funzioni grazie a due sistemi periferici, denominati simpatico e parasimpatico. Il sistema simpatico è costituito da nervi che emergono da una duplice catena gangliare posta latero-ventralmente all asse cerebrospinale, al quale è collegata. Il sistema parasimpatico è invece costituito da fibre nervose viscerali comprese in alcuni nervi encefalici e spinali. 1.6.1 Sistema nervoso centrale. Formato dall asse cerebrospinale, può essere suddiviso in encefalo e midollo spinale. Il primo è accolto all interno della scatola cranica, mentre il secondo si trova nel canale vertebrale. Entrambi sono costituiti da due sostanze, una più interna, definita sostanza grigia, e una più esterna, detta sostanza bianca. La sostanza grigia è l insieme dei pirenofori con le diramazioni dendritiche delle cellule nervose e delle fibre amieliniche. La sostanza bianca è l insieme dei prolungamenti assonici mielinizzati organizzati in fasci. 1.6.2 Midollo spinale. Preceduto cranialmente dal midollo allungato, corre all interno del canale vertebrale fino alla prima vertebra sacrale nel cavallo o all ultima lombare nel bovino nei maiali. Internamente il midollo spinale è percorso dal canale ependimale, mentre esternamente presenta (per tutta la sua lunghezza) due solchi mediani, uno dorsale e uno ventrale. Quest ultimo viene detto fessura ventrale mediana. In sezione trasversale la sostanza grigia si presenta con la caratteristica forma a H : le sue branche dorsali costituiscono le corna dorsali sensitive, cosiddette perché a esse giungono le radici sensitive dei nervi spinali misti; le branche ventrali, invece, costituiscono le corna ventrali motrici, dalle quali emergono gli assoni dei neuroni motori contenuti nelle corna stesse. H 1.6.3 Encefalo. Accolto all interno della scatola cranica, viene descritto in base alla derivazione embriologica delle sue parti costitutive. Procedendo in senso caudo-rostrale si possono riconoscere il romboencefalo, il mesencefalo, il diencefalo e il telencefalo. Il romboencefalo comprende il midollo allungato, il ponte e il cervelletto. Nella parte rostrale del midollo allungato si trovano i nuclei sensitivi e i motori dei nervi encefalici emergenti dal romboencefalo. Il cervelletto è una sede molto importante di coordinazione dell attività muscolare volontaria e involontaria. Il mesencefalo è costituito ventralmente dai peduncoli cerebrali e dorsalmente da quattro collicoli. Il diencefalo può essere suddiviso in tre porzioni, denominate epitalamo, talamo e ipotalamo. Quest ultimo è in stretto rapporto con l ipofisi ed è sede di importanti nuclei vegetativi. Sul suo limite craniale, anteriormente all ipofisi, si rinviene il chiasma ottico, costituito dall incrocio dei nervi ottici provenienti dalla retina. Il telencefalo è costituito da due emisferi cerebrali separati da una profonda fessura, in fondo alla H01-2_AnatomoFiologica.indd 17 14/06/18 19:11

SEZIONE H
SEZIONE H
ZOOTECNIA E ALLEVAMENTO ANIMALE
I contenuti afferenti alla Zootecnia, e agli allevamenti in generale, si compongono di diverse parti, fra loro complementari, e il cui studio dovrebbe seguire un ordine cronologico. Posta a priori la conoscenza dei principali elementi di anatomia e fisiologia animale, di cui in questa Sezione del Manuale dell’Agronomo abbiamo previsto un semplice schema iniziale e riepilogativo, le diverse parti che compongono la struttura dei contenuti sono definite nel seguente percorso.La Zoognostica, che attraverso la valutazione morfo-funzionale individua i soggetti più adatti alle svariate funzioni richieste (una fra tutte, la riproduzione finalizzata al miglioramento della razza).La Genetica e il Miglioramento genetico (trattati unitamente alla Genetica agraria nella Sezione B di questo Manuale) forniscono gli elementi per conoscere e valorizzare il comportamento ereditario dei caratteri.L’alimentazione e la nutrizione circoscrivono le informazioni necessarie a definire e predisporre una corretta razione alimentare.La Zootecnia speciale definisce infine i mezzi per ottimizzare le produzioni con idonee tecniche di allevamento per ciascuna specie animale considerata.Inoltre, ostetricia e ginecologia, malattie e profilassi veterinaria, identificazione e benessere animale definiscono e completano l’ambito operativo dell’intero comparto.Oltre all’allevamento delle specie di maggiore interesse e diffusione (bovini, suini, equidi, ovicaprini, avicunicoli), sono esposte le tecniche di acquacoltura, per i pesci di maggior interesse, e l’allevamento di svariate specie minori e alternative (struzzo, selvaggina, ungulati). Sono proposte in questa Sezione anche le tecniche di apicoltura, bachicoltura ed elicicoltura.Nel testo, sono numerosi anche i riferimenti trasversali e i rimandi ad altre Sezioni (es. Costruzioni rurali, ecc.), per una visione più ampia e completa degli argomenti esposti.Coordinamento di SezioneAdalberto FalaschiniRealizzazione e collaborazioniMaurizio Bianchi, Claudio Cavani, Stefania Dall’Olio, Claudio De Fanti, Giorgio Della Vedova, Jorgelina Di Pasquale, Michele Drigo, Adalberto Falaschini, Achille Franchini, Franco Frilli, Adele Meluzzi, Attilio Mordenti, Oliviero Mordenti, Federico Morimando, Paolo Parisini, Daniela Pasotto, Mario Pietrobelli, Marco Ragni, Federico Sirri, Maria Federica Trombetta, Domenico Ugulini, Arcangelo Vincenti