7. Allevamento per la produzione dell’uovo

ti 8 o è o- o nzi 0 ie e e pdi o e a di e o di e à o e ALLEVAMENTO PER LA PRODUZIONE DELL UOVO H 253 Le caratteristiche dei mangimi impiegati nel periodo di svezzamento devono garantire che i pesi degli animali si avvicinino il più possibile alle curve di accrescimento fornite dalle case selezionatrici del ceppo. Nelle 20 settimane di svezzamento si utilizzano 3-4 mangimi, con un tenore proteico decrescente dal 20 al 14% e un livello energetico di 2.650-2.750 kcal/kg di EM. La quantità di alimento somministrato giornalmente varia in funzione dell età e del peso dell animale e tenendo in debita considerazione la curva di accrescimento raccomandata. Nel periodo di produzione si utilizzano mangiatoie separate per maschi e femmine, ovvero mangiatoie più grandi e collocate ad altezze superiori per i maschi, poiché le esigenze nutrizionali dei due sessi sono alquanto diverse in relazione alle differenti funzioni riproduttive (deposizione di uova per le femmine). Per le femmine si utilizza un mangime a moderato contenuto proteico (15-16%), un livello di energia metabolizzabile di 2.750-2.800 kcal/kg e un contenuto in calcio del 3,2-3,7%. Le esigenze proteiche dei maschi sono ancora più basse di quelle delle femmine (12%), come pure quelle energetiche (2.700 kcal/kg di EM) e di calcio (0,9-1%). H.9 7. Allevamento per la produzione dell uovo L allevamento per la produzione di uova è caratterizzato da due fasi distinte: allevamento della pollastra, che va da 1 giorno a 16-17 settimane di vita; allevamento della gallina ovaiola, che va da 16-17 settimane a 70-72 settimane di vita. Per le particolari esigenze degli animali le due fasi sono condotte in ricoveri distinti e spesso anche in aziende diverse con operatori specializzati in una sola tipologia produttiva (pollastre/ovaiole). Tuttavia, per ottenere buone performance da un ovaiola e quindi per l estrinsecazione del suo patrimonio genetico, è indispensabile che nell allevamento della pollastra siano pienamente soddisfatte le sue esigenze sia per quanto riguarda la tecnologia di allevamento sia per l alimentazione. In Italia si utilizzano prevalentemente ceppi che producono uova a guscio colorato (Isa brown, Hyline brown, Lohman brown, Bovans, Hysex brown, Shaver brown), destinate alla commercializzazione diretta e, in misura minore, alla produzione di ovoprodotti e ceppi che producono uova a guscio bianco (Hyline white, Lohman white, Hysex white, Shaver white) destinate esclusivamente alla trasformazione. H 7.1 Allevamento della pollastra. L allevamento della pollastra, denominato in gergo svezzamento, è una fase piuttosto delicata poiché la carriera produttiva della gallina ovaiola è fortemente condizionata dai risultati conseguiti durante tale fase. Gli obiettivi che si devono raggiungere durante lo svezzamento vi è quello di ottenere animali sani, con un peso corporeo e uno sviluppo dell apparato riproduttore adeguato alla loro età e alle caratteristiche genetiche. L allevamento può essere attuato a terra o in gabbia. 7.1.1 Caratteristiche dei ricoveri. I ricoveri utilizzati possono prevedere l allevamento in gabbia degli animali oppure l allevamento a terra. Poiché nella fase di gallina ovaiola, ovvero di deposizione, l animale viene comunemente allevato in gabbia, anche per la pollastra si utilizza il medesimo sistema di allevamento per ridurre lo stress al momento del trasferimento. I ricoveri per l allevamento a terra sono simili a quelli descritti per il pollo da carne ovvero possono essere completamente chiusi o dotati di finestre, con riscaldamento localizzato (cappe a gas o piastre radianti) o diffuso. Anche le modalità e le portate di ventilazione e il raffreddamento sono simili a H09_Avicoltura.indd 253 5/30/18 12:03 PM

SEZIONE H
SEZIONE H
ZOOTECNIA E ALLEVAMENTO ANIMALE
I contenuti afferenti alla Zootecnia, e agli allevamenti in generale, si compongono di diverse parti, fra loro complementari, e il cui studio dovrebbe seguire un ordine cronologico. Posta a priori la conoscenza dei principali elementi di anatomia e fisiologia animale, di cui in questa Sezione del Manuale dell’Agronomo abbiamo previsto un semplice schema iniziale e riepilogativo, le diverse parti che compongono la struttura dei contenuti sono definite nel seguente percorso.La Zoognostica, che attraverso la valutazione morfo-funzionale individua i soggetti più adatti alle svariate funzioni richieste (una fra tutte, la riproduzione finalizzata al miglioramento della razza).La Genetica e il Miglioramento genetico (trattati unitamente alla Genetica agraria nella Sezione B di questo Manuale) forniscono gli elementi per conoscere e valorizzare il comportamento ereditario dei caratteri.L’alimentazione e la nutrizione circoscrivono le informazioni necessarie a definire e predisporre una corretta razione alimentare.La Zootecnia speciale definisce infine i mezzi per ottimizzare le produzioni con idonee tecniche di allevamento per ciascuna specie animale considerata.Inoltre, ostetricia e ginecologia, malattie e profilassi veterinaria, identificazione e benessere animale definiscono e completano l’ambito operativo dell’intero comparto.Oltre all’allevamento delle specie di maggiore interesse e diffusione (bovini, suini, equidi, ovicaprini, avicunicoli), sono esposte le tecniche di acquacoltura, per i pesci di maggior interesse, e l’allevamento di svariate specie minori e alternative (struzzo, selvaggina, ungulati). Sono proposte in questa Sezione anche le tecniche di apicoltura, bachicoltura ed elicicoltura.Nel testo, sono numerosi anche i riferimenti trasversali e i rimandi ad altre Sezioni (es. Costruzioni rurali, ecc.), per una visione più ampia e completa degli argomenti esposti.Coordinamento di SezioneAdalberto FalaschiniRealizzazione e collaborazioniMaurizio Bianchi, Claudio Cavani, Stefania Dall’Olio, Claudio De Fanti, Giorgio Della Vedova, Jorgelina Di Pasquale, Michele Drigo, Adalberto Falaschini, Achille Franchini, Franco Frilli, Adele Meluzzi, Attilio Mordenti, Oliviero Mordenti, Federico Morimando, Paolo Parisini, Daniela Pasotto, Mario Pietrobelli, Marco Ragni, Federico Sirri, Maria Federica Trombetta, Domenico Ugulini, Arcangelo Vincenti