SEZIONE L

L 200 GENIO RURALE E MECCANIZZAZIONE AGRARIA - RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL... Sezione Fotocartografica dello Stato Maggiore dell Aeronautica. Provvede all al- lestimento e alla pubblicazione delle carte per la navigazione aerea in collaborazione con l lstituto Geografico Militare. Esse sono: la Carta Aeronautica del Mondo alla scala 1/1.000.000, della quale sono pubblicati i fogli relativi al territorio italiano; la Carta di Navigazione alla scala 1/2.000.000, in proiezione di Mercatore, che viene pubblicata in unico modello in fogli; la Carta Aeronautica del Mediterraneo alla scala 1/2.000.000, in proiezione di Mercatore in 3 fogli. Dal 1951, in seguito alle norme impartite dall lCAO (International Civil Aviation Organization), è in produzione la nuova Carta Aeronautica Regionale d Italia alla scala 1/500.000 in 11 fogli. Oltre all attività specifica nel campo cartografico, la Sezione Fotocartografica dello Stato Maggiore dell Aeronautica ha svolto fino al 2002 la funzione di controllo di riservatezza sulle fotografie aeree del territorio nazionale provvedendo alla mascheratura, sulle medesime, degli elementi del territorio ritenuti di interesse strategico per la sicurezza della Nazione. Servizio Geologico. L organo tecnico dello Stato che ha il compito di provvedere al rilevamento geologico è il Servizio Geologico d Italia, istituito nel 1873; da tale data il servizio ha curato il rilevamento e la pubblicazione della carta geologica del territorio nazionale alla scala 1/100.000. Nel decennio 1960/70 è stata predisposta una edizione aggiornata relativa a 127 fogli, mentre nel 1971 sono iniziati i rilievi per una nuova carta d Italia alla scala 1/50.000, composta da 652 fogli. Come è facilmente visibile, il Servizio Geologico di Stato provvede compiutamente alla formazione della cartografia a piccola e media scala ma, purtroppo, lascia un vuoto alle scale maggiori che sono le più utilizzate, specialmente per ogni studio di pianificazione territoriale. Altri enti o istituti. Operanti in settori diversi, ma complementari a quello della carto- grafia ufficiale, risultano poi molti Istituti e Servizi delle Amministrazioni centrali. 1. Il Servizio Idrografico, curato dal Ministero dei Lavori Pubblici, opera da oltre ses- sant anni con il compito di provvedere alla raccolta delle osservazioni idrografiche e meteorologiche attraverso 1.169 stazioni termometriche, 3.495 stazioni pluviometriche, 741 stazioni idrometriche, 56 stazioni per la misura del trasporto solido, 630 stazioni di misura dei livelli delle falde freatiche. 2. L Istituto Agronomico per l Oltremare, organo di consulenza scientifica del Ministero degli Esteri svolge, fra l altro, periodici corsi di formazione di aerofotogrammetria e fotointerpretazione per le risorse agricole e naturali. 3. L Istituto Nazionale di Statistica è preposto alla compilazione e alla diffusione di statistiche generali e speciali di interesse nazionale. 4. L Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione opera nell ambito del Ministero dei Beni Culturali ed Ambientali e gestisce dal 1958 una Aerofoteca nazionale, curando la raccolta sistematica di tutte le fotografie eseguite del territorio italiano. 5. L Istituto Nazionale di Geofisica gestisce la rete nazionale di osservazioni sismologiche e pubblica da circa 30 anni i bollettini sismici contenenti i dati delle predette osservazioni, corredati da relativi elaborati. 6. L Istituto Nazionale di Selvicoltura e l Istituto Sperimentale per lo studio e la difesa del suolo svolgono studi e ricerche di grande importanza e interesse nei rispettivi settori e, nell ambito delle proprie competenze, producono cartografia tematica. L03_1_Richiami di trigonometria.indd 200 5/31/18 8:16 AM C n R z R a p d in g R c n R m in g h te n d b o to h o z s ( C la m d a c li c la d c 1 2 3

SEZIONE L
SEZIONE L
GENIO RURALE E MECCANIZZAZIONE...
L’Ingegneria agraria comprende tutte quelle discipline – scientifiche e tecniche – inerenti le opere di ingegneria applicata allo sviluppo dei sistemi agricoli e forestali, e le relative applicazioni, di principi e leggi, ai processi di gestione dei fenomeni territoriali e al governo delle tecnologie e tecniche applicate; ciò al fine di studiare, modellare e valorizzare i sistemi biologici per uno sviluppo sostenibile dell’agricoltura, della produzione alimentare, dell’uso del suolo e dell’ambiente.Fra i vari settori applicativi dell’ingegneria agraria e dei biosistemi vi sono le aree che convergono nelle denominazioni di Genio rurale e Meccanizzazione agraria; in particolare, quei settori che si concentrano sulle discipline relative al campo ingegneristico dei sistemi agrari, forestali e biologici, dell’Idraulica agraria, del Rilievo e rappresentazione del territorio, delle Costruzioni rurali e della Meccanica agraria.Questa Sezione L del Manuale dell’Agronomo è stata opportunamente organizzata per corrispondere al meglio a tutte le esigenze dei contenuti circoscritti nell’ambito sopra descritto.A cominciare dai richiami di Fisica applicata e in stretto parallelismo con gli aspetti normativi, di sicurezza e benessere, si passano in rassegna i vari ambiti operativi:– idraulica, idrologia, sistemazione dei corsi d’acqua, senza tralasciare gli aspetti della gestione delle risorse idriche, dell’ingegneria naturalistica e della tutela ambientale;– geodesia, topografia e cartografia, geomatica, telerilevamento e sistemi informativi territoriali orientati all’analisi, gestione e tutela, di territorio, paesaggio e ambiente;– controllo ambientale, energetica, progettualità e gestione di strutture e attrezzature di edifici, opifici rurali e relativa impiantistica;– meccanica, motoristica, macchine e meccanizzazione agricola, con relative applicazioni gestionali e informatiche.Tutto questo insieme di conoscenze validamente e trasversalmente integrate nei due contesti, sia di Sezione così come dell’intero Manuale, contribuisce a finalizzare concretamente la professione del tecnico operante nei vari ambiti del sistema agrorurale.Coordinamento di SezionePierluigi BonfantiRealizzazione e collaborazioniMatteo Barbari, Pierluigi Bonfanti, Federico Cazorzi, Roberto Chiambrando, Alessandro Chiumenti, Roberto Chiumenti, Francesco Da Borso, Pasquale Dal Sasso, Giancarlo Dalla Fontana, Vito Ferro, Rino Gubiani, Adolfo Gusman, Massimo Lazzari, Fabrizio Mazzetto, Elisabetta Peccol, Pietro Piccarolo, Franco Sangiorgi, Giacomo Scarascia Mugnozza, Paolo Zappavigna